26-10-2017: BIOTESTAMENTO.ATTIVARE ANCHE CONVENZIONE DI OVIEDO
“Senza adeguati presidi normativi la dignità dell’essere umano può essere lesa dall’applicazione delle nuove tecnologie in ambito sanitario.
Per questo le odierne dimissioni della relatrice De Biase sono un fatto positivo per far fare un passo in avanti decisivo alla legge sul biotestamento.
Rimane però un vulnus normativo da non sottovalutare in materia di protezione dei diritti della persona e della sua dignità. Infatti la ‘Convenzione di Oviedo per la protezione dei diritti dell’uomo e la dignità dell’essere umano riguardo all’applicazione della biologia e della medicina’ è ferma nel suo ultimo passaggio al 2001, anno in cui fu ratificata dal Parlamento, e attende di essere solo depositata in sede comunitaria per essere resa operativa.
Uno scandalo tipicamente italiano in cui la burocrazia ministeriale ostruisce la volontà parlamentare. Su questo argomento abbiamo presentato un’interrogazione parlamentare e mi appello al presidente Gentiloni affinché con l’approvazione della legge sul biotestamento venga resa operativa anche la Convenzione di Oviedo”

Lascia un commento