20-09-2017: PARTO, VIOLENZA OSTETRICA È GRAVE REALTÀ ITALIANA
“L’indagine della Doxa presentata oggi sul fenomeno della violenza ostetrica, promossa in collaborazione con Ovo Italia, certifica dati allarmanti su un campione di 5 milioni di madri, in particolare rileva alte percentuali di episodi riguardanti abusi durante le fasi del parto e i conseguenti effetti sulla salute fisica e psicologica delle madri e dei neonati. Desta sconcerto infatti il dato per cui il 6% delle madri non ha voluto più fare figli in base all’esperienza negativa e di violenza vissuta durante il parto. Questo ha prodotto la mancata nascita di oltre 20.000 bambini ogni anno nel nostro paese.Anche l’OMS, durante le audizioni alla Camera sulle proposte di legge per la promozione del parto naturale, ha evidenziato l’allarmante situazione italiana per il numero impressionante di tagli cesarei praticati nel nostro paese e l’eccesso di medicalizzazione nel percorso nascita e in particolare durante il parto.Il governo ora ha il dovere e l’urgenza di attivarsi in base ai dati incontrovertibili presentati oggi, certamente presenteremo una nuova interrogazione in materia per sollecitare l’azione del governo e capire quali iniziative voglia mettere in campo. Inoltre continueremo a sostenere le misure di umanizzazione del parto e di personalizzazione delle cure presenti nella mia proposta di legge, vera e propria legge Manifesto che rimette al centro i diritti delle partorienti per un parto ‘a misura di mamma e neonato’.La deriva aziendalista del SSN negli ultimi decenni sta producendo effetti devastanti nella società e il fatto che nemmeno nel momento del parto ci sia una ‘cura amorevole’ per una percentuale consistente delle madri fa emergere un quadro al limite della legalità e una grave negligenza nell’azione del governo in questi anni.”

Lascia un commento