” Atto di sindacato ispettivo su uso dei fitofarmaci per tappeti erbosi sportivi, con particolare riguardo al modello utilizzato da molti centri golfistici”

“Atto di sindacato ispettivo su uso dei fitofarmaci per tappeti erbosi sportivi, con particolare riguardo al  modello utilizzato da molti centri golfistici” 

Il documento è consultabile sul sito web della Camera dei Deputati: clicca qui 

Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-17670

presentato da

ZACCAGNINI Adriano

testo di

Martedì 12 settembre 2017, seduta n. 848

  ZACCAGNINI. — Al Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, al Ministro della salute, al Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, al Ministro per lo sport . — Per sapere – premesso che:
il Pan, piano di azione nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, approvato con decreto ministeriale del 22 gennaio 2014, si prefigge di guidare, garantire e monitorare un processo di cambiamento delle pratiche di utilizzo dei prodotti fitosanitari verso forme caratterizzate da maggiore compatibilità e sostenibilità ambientale e sanitaria, con particolare riferimento alle pratiche agronomiche per la prevenzione e/o la soppressione di organismi nocivi sia in aree agricole che extra-agricole. In linea con i contenuti della direttiva 2009/128/CE e del decreto legislativo n. 150/2012, il Pan si propone di raggiungere i seguenti obiettivi generali, al fine di ridurre i rischi associati all’impiego dei prodotti fitosanitari: ridurre i rischi e gli impatti dei prodotti fitosanitari sulla salute umana, sull’ambiente e sulla biodiversità; promuovere l’applicazione della difesa integrata, dell’agricoltura biologica e di altri approcci alternativi proteggere gli utilizzatori dei prodotti fitosanitari e la popolazione interessata; tutelare i consumatori; salvaguardare l’ambiente acquatico e le acque potabili; conservare la biodiversità e tutelare gli ecosistemi. La tematica dell’uso dei fitofarmaci rappresenta una grande questione non solo di carattere economico ma anche e soprattutto di carattere ambientale e di tutela della salute, posto che ormai esiste una vasta casistica sostenuta da dati incontrovertibili tesa a dimostrare che il contatto anche solo sporadico con pesticidi può causare l’insorgenza di patologie molto gravi quali tumori e malattie neurodegenerative; viceversa, un’altra estesa casistica conferma che è possibile una gestione del verde con prodotti biologici di assoluta garanzia per la qualità del risultato e della compatibilità economica e per la salute dei fruitori del verde;
risulta all’interrogante che alcune federazioni, golf e calcio in particolare, abbiano presentato domanda di deroga all’uso di pesticidi. Va segnalato, tuttavia, che vi sono virtuosi esempi di campi da golf « pesticide free»; sono 40 i campi italiani che ad oggi risultano indiscutibili in senso estetico e golfistico senza aver usato sui propri green un solo grammo di pesticida, puntando su: nutrizione mirata, di precisione, basata sul concetto tanto semplice da sembrare banale che «un organismo sano non si ammala»; analisi periodiche del terreno e del residuo di taglio: si verifica lo stato di salute dell’erba attraverso lo stato di monitoraggio costante delle variabili che lo influenzano, con applicazioni di fertilizzanti specifici supportati da specifici carrier organici: è il caso di prestigiosi circoli come il «Franciacorta golf club», il «Modena golf e country club»; il «Garda golf» ed altre 40 realtà simili; la problematica non può essere semplicemente liquidata come una semplice questione burocratico-amministrativa, ma richiede un’attenta valutazione basata su dati ad evidenza scientifica –:
se i Ministri interrogati siano a conoscenza della richiesta di deroga di cui in premessa e più in generale della complessiva problematica relativa all’uso dei fitofarmaci per i tappeti erbosi sportivi, quali orientamenti il Governo abbia maturato sulla questione illustrata e se intenda assumere iniziative per prevedere proroghe all’utilizzo dei fitofarmaci;
se i Ministri interrogati non ritengono necessario far precedere ogni tipo di valutazione e conseguente misura, di grande significato per la salute di migliaia di cittadini, da una seria verifica degli effetti sulla salute e da un esame dei protocolli attualmente utilizzati da molti centri golfistici che rispettano ampiamente le prescrizioni del Pan. (4-17670)

Lascia un commento