18-04-2017: VACCINI,PD IGNORA OLIGOPOLIO E STANZIA 300 MILIONI IN PIÙ
“Il PD continua a negare ogni approfondimento sulla questione dei vaccini e attacca il giornalismo d’inchiesta di Report senza nemmeno voler riflettere su aspetti gravemente distorti della politica vaccinale in Italia.

In particolare tutti gli esponenti politici che sono favorevoli alla coercizione obbligatoria continuano ad ignorare la relazione dell’Antitrust di maggio 2016 in cui viene chiaramente denunciato il regime di oligopolio nel settore dei vaccini. Sarebbe utile sapere se Orfini, Renzi, Lorenzin, Bonaccini, Rossi o altri esponenti politici l’hanno quantomeno letta.E’ evidente che il governo ad oggi non ha fatto nulla per disarticolare questo oligopolio e garantire la necessaria concorrenza e conseguente sicurezza sui prodotti in questo settore. Il solo intervento portato avanti è quello dello stanziamento di ulteriori 300 milioni di euro per l’acquisto dei vaccini, senza alcuno stanziamento per la ricerca scientifica in materia, pressoché tutta delegata alle stesse case farmaceutiche. Credo questo possa essere un elemento importante per interpretare il motivo degli attacchi sconsiderati di questi giorni a chi come me ha soltanto chiesto chiarezza sulla politica vaccinale e sicurezza riguardo ai prodotti somministrati alle persone.
Purtroppo sembra quasi di risentire l’eco dei fatti che portarono all’arresto del ministro Di Lorenzo, condannato per corruzione per aver introdotto la vaccinazione obbligatoria per l’epatite B. Invece servirebbe buon senso, confronto fra le parti, stemperare i toni e investire risorse per la ricerca per un serio approfondimento sui danni da somministrazioni multiple in una parte della popolazione, già riscontrati circa nel 3% dei militari italiani in Iraq nella relazione del progetto SIGNUM. Sarebbe gravissimo che si continuasse ad occultare tale esigenza di approfondimento e sostanzialmente si facesse finta di nulla di fronte ad un oligopolio in atto che non garantisce adeguata sicurezza per i vaccini.”

Lascia un commento