costituzione“E’ decisamente un passo importante quello dell’intesa trovata in casa Pd sulle modifiche all’Italicum e mi sento di ringraziare coloro che ci hanno lavorato in questi mesi. In questo modo, viene meno il rischio del combinato disposto fra Italicum e rafforzamento della capacita’ decidente del governo che mi indusse a votare in modo contrario alla riforma costituzionale in Parlamento. Oggi non rimane alcun alibi per non valutare la riforma nel merito e soltanto nel merito.La nuova versione della Costituzione, permetterà’ ,col superamento del bicameralismo, la necessaria semplificazione del procedimento legislativo per il nostro sistema parlamentare e gli strumenti di rafforzamento della capacita’ decidente del governo sono un rafforzamento della democrazia stessa. In particolare in un momento storico in cui la debolezza della politica troppo spesso porta a non prendere decisioni o ad accettare supinamente condizioni imposte da altri poteri estranei alle logiche politiche (come fu nel caso dell’introduzione del pareggio di bilancio in Costituzione) e’ necessario dotare la nostra democrazia di strumenti adeguati a rispondere prontamente e con la forza necessaria a chi si oppone al primato della politica e quindi delle priorità’ sociali su quelle meramente finanziarie. Per questi ed altri motivi da oggi sosterrò’ convintamente il SI’ al referendum”

Lascia un commento