No-al-TTIP-Gernamia“Ormai non servono più le sale lettura che il ministro Boschi, molti mesi fa, aveva garantito anche in Italia.
Alla luce degli atti desecretati da Greenpeace in questi giorni il governo italiano deve semplicemente togliere l’appoggio alla sottoscrizione del trattato Ttip.
Un appoggio incomprensibilmente incondizionato finora, che penalizzerebbe settori strategici per l’Italia come agricoltura, cultura e terziario.
È certamente il caso di seguire l’esempio della Francia, un paese molto simile al nostro, che sta chiudendo ad un compromesso al ribasso sul Trattato, poiché la convenienza economica è limitata e sono certamente maggiori le conseguenze negative.
Col Ttip da quanto emerge si svuoterebbero i nostri ordinamenti di diritti e standard di qualità conquistati dai cittadini europei nel corso di lunghe battaglie e che semmai dovremmo pretendere di estendere a livello globale e non concedere ad una deregolamentazione per fare piacere a poche multinazionali.
Sabato dalle 14 saremo in piazza a Roma per la manifestazione internazionale per fermare il Ttip. “

Lascia un commento