roma non si vende“Il corteo di oggi è la giusta risposta alla privatizzazione del patrimonio comunale e dei servizi pubblici che il commissario Tronca vuole portare avanti, alle minacce di sgombero di tanti spazi e luoghi della partecipazione cittadina. Roma non può essere sacrificata ai vincoli di bilancio europei e ad un risanamento che colpisce le attività culturali e sociali, in particolare questo non ha senso se non si tiene conto del ruolo di welfare sostitutivo cui assolvono i tanti progetti sotto sgombero. Le mancanze e negligenze dell’amministrazione negli anni passati non possono ricadere sul tessuto vivo della città e non possono trovare come soluzione la svendita di Roma. È necessario individuare le misure adeguate per dare continuità ai progetti e fermare l’ottusita’ burocratica che non riconosce il valore di queste esperienze”

Lascia un commento