centralelatteaq“Sosteniamo la protesta e la posizione degli allevatori contro lo strapotere della Lactalis. Il prezzo deve essere congruo e rispettato. L’Antitrust deve attivarsi e ancor più il ministro Martina. Ma nella vicenda c’è un altro aspetto molto preoccupante che riguarda la Lactalis nel settore italiano del latte.È Gabrielli a tratteggiarla fra le righe del suo documento: si afferma che siano oltre 30 le delibere del 2015 in odor di Mafia Capitale e una di queste può certamente essere quella che riguarda la cessione della Centrale del Latte di Roma spa alla Lactalis. La municipalizzata crea utili e una sentenza del Consiglio di Stato la riporta nella piena disponibilità del comune. Nonostante questo il comune ha deciso di svenderla, contro gli stessi interessi delle casse del comune e senza curarsi del fatto che si creerebbe un vero e proprio monopolio della raccolta del latte nel centro sud Italia che farebbe chiudere migliaia di stalle nel Lazio. Certamente l’Antitrust non può più stare a guardare e sollecitiamo un intervento, ma allo stesso modo chiediamo al commissario Tronca di sospendere in autotutela la delibera sulla dismissione della Centrale del latte di Roma per verificare che non sia stata inquinata da Mafia Capitale.”

Lascia un commento