CHINA-ENVIRONMENT-DROUGHT“I relatori del ddl Consumo suolo hanno presentato alle commissioni Ambiente e Agricoltura alla Camera un articolo aggiuntivo (4 bis): è una delega al governo che toglie al Parlamento la trattazione della rigenerazione urbanistica delle periferie degradate. Peraltro i criteri della delega non sono stringenti e andrebbero di certo formulati in modo più chiaro per non incappare in aumenti di volumetria. L’intento della legge è rigenerare l’esistente e il rischio che il 4 bis apre è che formulazioni vaghe e non precise come quelle della delega possano lasciare aperti spiragli al governo per regolamentare la materia con la previsione di nuova edificazione su suoli al momento inedificati in aree periferiche. In sintesi questo emendamento dei relatori riapre il testo sulla materia urbanistica, scavalca il Parlamento (cui dovrebbe essere lasciata la possibilità di trattare il tema in modo organico e approfondito coi testi presentati nelle commissioni) ed è scritto in modo non chiaro. Sembra essere il compromesso imposto dal Ministro Galletti per far andare avanti il provvedimento e questo è inaccettabile vista la logica con cui è costruito questo articolo aggiuntivo e per come l’iter è stato bloccato per mesi proprio dal Ministro Galletti.Il provvedimento che si era arenato ora sembra riavviarsi, ma con un’aggiunta di cui forse non c’era alcuna necessità, soprattutto se si tratta di dare mano libera al governo con una delega vaga, un governo che finora ha fatto ostruzionismo affinchè questa legge, prioritaria per il nostro territorio, non possa vedere luce.”

Adriano Zaccagnini, capogruppo Sel, Commissione Agricoltura Camera dei Deputati. 

Lascia un commento