“La diffida che arriva da Bruxelles, che abolisce il divieto di produrre formaggi utilizzando latte in polvere, e’ un attacco indegno al settore e alle tipicità italiane ed europee. E’ necessario fare fronte comune con altri paesi europei e respingere qualsiasi proposta di compromesso. Meglio l’infrazione comunitaria che il formaggio senza latte prodotto tutto con lo stesso sapore. Far sparire 487 formaggi tradizionali censiti dalle regioni italiane ottenuti secondo metodi mantenuti inalterati nel tempo da generazioni è un attacco al nostro patrimonio. Siamo affianco agli allevatori e a tutti gli operatori della filiera ai quali chiediamo di unirsi alla lotta contro il TTIP pecorino2, modello commerciale fra Ue e Usa oggi sospinto con una risoluzione al Parlamento europeo da socialisti liberali e popolari. Questo trattato è già una delle cause che stanno portando all’applicazione di un regolamento comunitario come quello sul formaggio in polvere e produrra altre norme devastanti per l’Europa, c’è da aggiungere che la spinta viene soprattutto da Irlanda e Germania per produrre industrialmente il formaggio in polvere.”

Adriano Zaccagnini Vicepresidente e capogruppo di Sel in Commissione Agricoltura Camera dei Deputati

Lascia un commento