ASTENSIONISMO“La Sinistra è disorientata e i risultati elettorali deludenti ne sono la prova. Non c’è stato in questa campagna elettorale alcun vero filo conduttore a livello nazionale.Domani Civati invierà una lettera per aprire le danze di un nuovo soggetto politico in cui mi auguro la centralità dei temi dell’ambiente.La riproposizione di vecchie classi dirigenti non potrà funzionare e potrà essere solo deleteria per affrontare un’ eventuale centrodestra riunito ed egemonizzato da Salvini. E’ necessario un processo costituente da cui successivamente ci si strutturi in una unità necessaria per tutto il centrosinistra. Altrimenti si rischia di far danno vero e agevolare la destra nella salita al potere.Le elezioni regionali ci mostrano come l’astensionismo avanza e dilaga come “partito di massa”. Ormai senza più argini vicino alla soglia del 50% nazionale. La depoliticizzazione dei cittadini è a livelli mai visti e aldilà dei processi rifondativi in campo, se non si riprende contatto con questa parte del paese, la democrazia rappresentativa subirà un evidente processo di delegittimazione.Per superare la democrazia rappresentativa al momento non sembra esserci alternativa praticabile nell’immediato orizzonte e dunque lavorare con e per la partecipazione è l’unico modo per non inabissarsi in un modello post-democratico, in cui gli eletti del popolo non decidono più e sono completamenti schiacciati dalla logica personalistica della politica.”

Lascia un commento