mangimi avvelenati “In vista delle imminenti possibili modifiche della Commissione europea all’immissione in commercio di prodotti geneticamente modificati, è sempre più importante ribadire che l’unico modello di sviluppo sostenibile agricolo per l’Italia e l’Europa è quello legato alla biodiversità’ e quindi senza Ogm. Questo vale anche per la mangimistica animale. È necessario ritornare a buoni livelli di produzione nazionale di proteine verdi per soddisfare la domanda degli allevamenti italiani, limitando l’importazione di mangimi Ogm, ed è opportuno ricordare come proprio le coltivazioni di Ogm sono strettamente correlate all’utilizzo di erbicidi come il glifosato, definito cancerogeno dallo IARC e che deve essere messo al più presto al bando dal governo per la tutela della salute umana e dei lavoratori in agricoltura.”

Adriano Zaccagnini Vicepresidente Commissione Agricoltura Camera dei Deputati

Lascia un commento