deliberiamo

La rete sociale De-Liberiamo Roma è a fianco alla battaglia che il nuovo governo greco insieme al suo popolo sta portando in Europa per cambiare le politiche di austerity che strozzano qualsiasi possibilità di uscita dalla crisi.

 

La Grecia ha bisogno di noi e noi abbiamo bisogno della Grecia: la solidarietà e la fratellanza tra i popoli sono già il segno di una rivoluzione in atto contro politiche che innescano frantumazione sociale, individualismo e competizione per l’affermazione di sé contro gli altri.

 

Una rivoluzione il cui primo segno sta nella volontà di un governo di essere davvero al servizio del suo popolo, battendosi da solo contro l’Europa della finanza per restituire dignità alla sua gente attraverso tutto quel che gli è stato tolto: lavoro, casa, istruzione, servizi.

 

Questo è ciò che hanno prodotto e continueranno a produrre le politiche di austerità volute dalla Troika, alle quali gli stessi governi che si sono succeduti in Italia, da Berlusconi a Renzi, sono asserviti.

 A Roma queste politiche si chiamano “Salva Roma”, “Patto di stabilità”, “Piano di rientro” e stanno mettendo in ginocchio la città con il taglio dei servizi, l’aumento delle tariffe, le privatizzazioni, mentre aumentano le famiglie sotto la soglia di povertà, i senza casa, i senza lavoro.

Come rete sociale deLiberiamo Roma abbiamo avanzato da tempo proposte che indicano un’altra politica possibile, a partire dalla contestazione del Patto di stabilità interno e la ricontrattazione del debito con CDP, l’uso sociale del patrimonio edilizio cominciando dal grave problema della casa che non può essere un’occasione per far cassa, la tassazione dei grandi patrimoni immobiliari, la ripubblicizzazione di AceaATO2 e la garanzia della scuola dell’infanzia per tutti i bambini.

 

Queste proposte vanno in direzione contraria ai diktat della finanza.

Lo diciamo perciò con le parole dell’appello internazionale di economisti e accademici in solidarietà con la Grecia: “Ciò che è in gioco non è solo il destino della Grecia, ma il futuro di tutta l’Europa. Una politica di minacce, ultimatum, ostinazione e ricatto significa per tutti il fallimento morale, politico ed economico del progetto europeo”. La vittoria di Tsipras dice che è ora di dire basta all’Europa della finanza per affermare l’Europa dei popoli.

 

La rete sociale De-liberiamo Roma unisce la sua battaglia a quella del popolo greco, e aderisce alla manifestazione nazionale che si terrà sabato prossimo 14 febbraio a Roma.

Lascia un commento