Conflitti rappresentanza e democrazia

La legge Severino: i casi Alzetta e De Magistris

10 dicembre 2014 H 15.30

Presso la sala stampa della camera dei Deputati

via della missione 4 Roma

Conferenza dibattito

È giusto che la “legge severino”, stabilendo per forza di cose un principio generale slegato dai singoli individui, con le proprie storie personali e “giuridiche”, impedisca alla cittadinanza di scegliere ciò che la cittadinanza stessa considera migliore per sé?

È l’interrogativo che ci si pone a partire da due casi emblematici coinvolti nelle procedure della norma sulla “icandidabilità”. Le recenti sentenze del TAR e del Consiglio di Stato sul caso del Sindaco di Napoli, che sollevando eccezione di incostituzionalità alla corte e sospendendo l’applicazione della legge, impongono una riflessione giuridica e politica sul tema della rappresentanza e della democrazia. Ne discutiamo a partire da questi due casi, anche alla luce delle possibili modifiche correttive ad opera delle commissioni parlamentari.

Intervengono

Giuseppe RUSSO avvocato difensore Luigi de Magistris
Andrea FALZONE avvocato difensore Andrea Alzetta
Paola BALDUZZI membro C.S.M.

Sono Invitati
Daniele Farina Deputato SEL
Massimiliano Smeriglio Vicepresidente Regione Lazio
Marco Miccoli Deputato PD

Introduce Adriano Zaccagnini Deputato SEL

Modera Avvocato Giuseppe LIBUTTI

con preghiera di diffusione

il caso alzetta e de magistris

Lascia un commento