BktoVPACcAAjlJA
“In una lunga riunione notturna a Bruxelles , le multinazionali, produttrici di Ogm, ci mettono lo zampino e condizionano i governi europei a togliere la” motivazione ambientale” dal divieto di coltivazione Ogm per ogni Stato membro dell’Eu .Questa truffa giuridica, imposta dal consiglio europeo, organismo non eletto, contrasta con la volontà del Parlamento europeo e con le modifiche migliorative che erano state proposte, anche dalla maggioranza dei consumatori europei e dalle associazioni per la difesa della salute, della biodiversità agroalimentare e dell’ambiente. E’ necessario riportare la motivazione ambientale all’interno della modifica della direttiva europea sugli Ogm e non permettere la creazione di buchi e lacune giuridiche nel diritto europeo, mancanze che creerebbero difficoltà, ad ogni Stato membro, nel dimostrare la motivazione del divieto di Ogm”

Adriano Zaccagnini Vicepresidente Commissione Agricoltura

Lascia un commento