TTIP 1“La lettera di Calenda a Report cerca di farci digerire il TTIP. Bene sull’enunciazione del mantenimento del principio di precauzione europeo, ma vogliamo vederci chiaro anche su altri settori che sarebbero deregolamentati come quello dell’energia. Crediamo, come attesta una recente ricerca del Global Development and Environment Institute Tufts University del Massachusetts, che dal TTIP sarebbe danneggiata la domanda interna europea e che il governo nelle sue previsioni non tiene in debito conto la difficile riallocazione dei lavoratori e delle lavoratrici (e quindi il calcolo del tasso di occupazione/disoccupazione), ovvero di coloro che perderebbero il lavoro e competitività in seguito alle deregolamentazioni nei vari settori coinvolti dal Trattato fra Ue e Usa. E’ necessario prioritariamente rilanciare la domanda interna e non solo l’export per le grandi aziende.”

Adriano Zaccagnini Vicepresidente Commissione Agricoltura

Lascia un commento